Crea sito

Latte di Kefir

Qualche giorno fa, girovagando tra gli scaffali di un supermercato, ho scovato il “Latte di Kefir”….mai sentito parlare!! Ergo…devo provarlo assolutamente!!! Colore bianco, gusto molto pungente con una punta di acidognolo e consistenza molto densa (poco meno dello yogurt). Insomma…ricorda molto lo yogurt prodotto al naturale.

Ma veniamo a noi…che cos’è il Kefir?? Il kefir è una bevanda ricca di fermenti lattici e probiotici (microbi o fermenti vivi che influenzano favorevolmente la salute aggiungendosi alla flora batterica intestinale e migliorandone l’equilibrio) ottenuta dalla fermentazione del latte. Contiene circa lo 0,8% di acido lattico, ha un gusto fresco ed è un alimento nutriente. Originario del Caucaso, è tuttora molto popolare nell’ex Unione Sovietica. A seconda delle diverse modalità di fermentazione il kefir può avere un piccolo contenuto di CO2 e di alcol dovuti entrambi ai processi fermentativi dei lieviti. Il kéfir tradizionale viene preparato utilizzando latte fresco (di pecora, capra o vacca) e i fermenti o granuli di kefir, formati da un polisaccaride chiamato kefiran che ospita colonie di batteri e lieviti in associazione simbiotica. I fermenti del kefir sono adattabili e quindi utilizzabili anche per fermentare altri liquidi con contenuto di zuccheri come i latti di soia o riso e l’acqua con l’aggiunta di zucchero, frutta o altri aromi.

Cercando sul web sembra che questo alimento serva anche contro la caduta dei capelli (..è un eufemismo!) ma i benefici maggiormente citati sono i seguenti:

  • è un ottimo riequilibratore della flora batterica intestinale e agisce come probiotico stimolando il sistema immunitario intestinale con benefici effetti sul sistema immunitario di tutto il corpo, inoltre le sostanze contenute nel Kefiran hanno anche effetti prebiotici
  • potenzia il sistema immunitario: questo è dovuto sia all’azione dei fermenti che colonizzano l’intestino ma anche -presumibilmente- dalla risposta del nostro organismo al Kefiran in soluzione nel Kefir
  • è facilmente digeribile anche da chi è intollerante al lattosio: una larga fetta della popolazione umana non digerisce in maniera corretta il lattosio, il principale zucchero presente nel latte. I batteri del Kefir, permettono di far giungere all’intestino gli enzimi necessari per la digestione del lattosio. Inoltre nel Kefir il contenuto di lattosio viene ridotto durante la fermentazione
  • ha proprietà antibiotiche: i lattobacilli presenti nel Kefir producono infatti varie sostanze che difendono l’organismo da microbi e funghi (come ad esempio la candida albicans)
  • sembra avere effetto anche sul colesterolo: alcuni studi suggeriscono che l’ingestione di Kefir permetta una moderata riduzione dei livelli di colesterolo, ma i risultati non sono tuttora assodati e altri studi ipotizzano che l’effetto sia nullo o quasi
  • Il Lactobacillus rhamnosus che si può ritrovare nel Kefir riduce la presenza nella saliva dello Streptococcus mutans principale repsonsabile della carie dei denti

….Non mi resta che provarlo! 😀

Tags:,

Iscriviti

Iscriviti alla Newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

I commenti sono chiusi.